mercoledì 26 febbraio 2014

L'Italia da buttare

E che se la tiri nel cesso si intasa e non va giù neanche se pronunci una formula magica in dialetto sumero, verrebbe da dire!

Un folle urlatore, molto bravo a dare il contentino ideologico alle folle, è troppo impegnato a puntare il dito contro i presunti colpevoli. Facendo questo, oltre a dimenticarsi che la colpa è del sistema, che li ha prodotti, e non dei singoli, si dimentica anche che gli accusati fanno esattamente la stessa cosa.

E' sorprendente vedere come 60 milioni di pecore caschino in questo giochino. Si dico 60 milioni perché non fa differenza cascare nel giochino di Grillo o di Renzi o di Berlusconi o di Monti .... è uguale.

C'è la stessa differenza che corre tra la Fiat Bravo e la Alfa Mito, se le guardi bene si capisce che più o meno è la stessa auto. Certo la Mito è più bella esteticamente, ma credo che il telaio, le geometrie e buona parte della meccanica siano identiche.
Del resto una casa marcia ben arredata fa molta più figura di una casa nuova ma rifinita economicamente.

Allora preferite stare dalla parte di chi dice "io sono onesto e voi no" oppure dalla parte di chi dice "io so fare e voi no" oppure dalla parte di chi dice "io sono il più bravo di tutti e voi fate schifo".
Le parole sono diverse ma il concetto è sempre lo stesso. E ci cascate come le pere cotte.

Vi lasciate imbastardire da 4 cazzate in croce, che peraltro sono sempre le stesse dalla notte dei tempi, la differenza è che uno per dirle ha comperato dei canali televisivi, l'altro dei giornali stampati, l'altro invece è arrivato per ultimo e lo fa tramite un blog. Se non altro l'ultimo è più furbo, ha speso 1 milionesimo degli altri per ottenere lo stesso risultato ... non ha tradito la fama dei genovesi!

E se dico così la gente mi chiede: ma se non guardo la TV, non leggo il giornale o non leggo il blog di Grillo mi isolo dal mondo, come faccio a tenermi informato?

Io davanti a questa eccezione idiota ho anche smesso di rispondere. Perché la risposta è talmente semplice da essere idiota.

E mi vorticano i testicoli come turboreattori a doverla scrivere qui!

Cioè secondo voi i giornalisti le cazzate che vi propinano quello che scrivono sui giornali, le deiezioni di cui riempiono la TV i talk show, i blog ... è lo spirito santo a dettarglieli la notte? Ce l'hanno scritto nel genoma?

Ah no forse sono dei moderni Mohammed che però hanno perso il numero di Allah e quindi, non potendo nemmeno emulare da lontano il celeberrimo profeta, si ostinano a comporre il numero che gli fa ricevere in visione lo spirito di un fondatore di chat line erotiche deceduto il quale, spacciandosi per una divinità che non è, gli detta la merda che vediamo tutti i giorni da 50 anni a questa parte.

Ma dai, suvvia! (per non usare altre espressioni verbalmente violente ...)

Evidentemente un modo per raccogliere informazioni c'è, che vi piaccia o no. L'unica cosa che vi separa dall'ottenimento di informazioni di prima mano è la vostra ottusità, la vostra pigrizia, la vostra ignoranza.

L'italiano medio è di un ignoranza che è spaventosa. Ha ottenuto un diploma di scuola superiore ma se lo metti alla prova il suo livello fattivo è da quinta elementare (che adesso si chiama primaria ma è cambiato solo il nome(1)). Ma non di un bambino di quinta elementare sveglio, di uno un po' ritardato e somaro. Qui in Romagna diremmo di uno un po' sgumbiato/imbarlato a seconda della zona della Romagna da cui proviene il commento. 

Cioè raccogliere notizie non è una Kabbalah, non si fa con la sfera di cristallo, non si fa invocando spiriti o demoni, non serve nessuna particolare preparazione scolastica, se servisse del resto non si spiegherebbe come mai quella sottospecie umana che in Italia chiamiamo giornalisti sia capace di far pervenire le edizioni in edicola e alla TV tutti i giorni.

Poi ecco, magari in assenza di preparazione scolastica il risultato che si ottiene è quello che vediamo, quindi forse anziché dargli dei subumani dovremmo battergli una pacca sulla spalla e dirgli: "dai su non ti abbattere, continua così e vedrai che entro il compimento del 256° anno di età riuscirai a scrivere qualche riga sensata, per sbaglio, dentro almeno uno di tutti gli articoli che hai scritto".

Allora mi spiegate come mai sembra che in mancanza di giornalisti non si possa vivere? Soprattutto quando è 50 anni che dimostrano di avere una cultura ed una conoscenza di quello che scrivono che è più scarsa di quella del vincitore della gara "peggior BAR della penisola".

Cioè io cosa sono un profeta eletto che riesco a scrivere queste bloggate dopo 13 anni che in casa mia non c'è la TV? Che leggo meno di una volta al mese la cronaca locale, senza soffermarmi troppo sui dettagli, spesso guardando solo le figure, velocemente mentre prendo il caffè?

Come faccio ad avere un'idea politica precisa senza sorbirmi le cazzate che dicono Renzi/Grillo/Berlusconi/Letta/Brunetta/Sailcazzochisaltafuoridomaniinquelcasino ... eh??

Come mai se prendo in mano un giornale qualsiasi mi viene il voltastomaco?
E come mai i talk show, il blog di Grillo, le chiacchiere da bar, mi fanno lo stesso effetto?
Che sia che è sempre la stessa merda trita e ritrita, un condensato di crassa ignoranza mascherata da cultura tramite un velo di pseudorevisionismo storico tipo "ah i treni delle FS sono sempre in ritardo perché durante il periodo etrusco, quando il rè assiro Alì Morteìc si recò in visita a Timbuktù ... allora per $sailcazzoqualemotivoinesistente i binari portano sfiga e quindi i capitreno, che discendono tradizionalmente tutti da una famiglia assira, procedono sempre con la massima cautela".

Ma vaffanculo va, se i treni arrivano in ritardo è perché l'azienda è gestita da un branco di papponi pieni di soldi ma trogloditi, che hanno tutti l'autista e la limousine, e un treno non sanno neanche da che parte è girato. E' bastato che qualcuno vi facesse uno straccio di concorrenza e trattasse anche solo apparentemente decentemente i passeggeri che se non volevate perdere il 101% della clientela (vale a dire che pure i vostri colleghi si servono della concorrenza e, per dispetto, anche chi non ha mai preso il treno ci fa un giro per spocchia anche se non deve andare da nessuna parte) avete dovuto boicottarli!

Allora il Grillo di turno è un troglodito che punta il dito contro il risultato anziché contro il problema, e tutti quanti, dopo avere guardato il dito per un paio d'anni, gli viene il dubbio che stesse indicando qualcosa/qualcuno, perché sono a loro volta dei trogloditi analfabeti che non distinguono una batana da un transatlantico(2).

E gli altri, quelli indicati, a passare notti insonni non tanto perché si sentano vilipesi nell'animo, ma perché "noi puntiamo il dito da 50 anni, questo qui è arrivato l'altro ieri e pretende di essere più bravo di noi" ... sia mai che qualcuno scarichi le colpe agli altri meglio, il titolo nazionale, la maglia rosa, non la vogliono mica cedere ... cioè neanche più la soddisfazione di vincere lo sport nazionale gli lasci!

E insomma tutto questo merdaio, sta gente inutile, l'ignoranza crassa che ti impedisce anche di riconoscere il problema, come la butti via?
Chi mandi a casa? Cioè mandi a casa Berlusconi e arriva Renzi ... e quando Renzi andrà a casa (si appunto quando, non se) chi arriverà? Topo Gigio? Vabbè e quando va a casa pure Topo Gigio? Dopo a chi la dai la colpa?

Perché la verità è che la colpa non è di nessuno, nemmeno di Berlusconi, figuriamoci Renzi che a confronto è un ragazzino smarrito, la colpa è di 60 milioni di rintronati.

Vogliamo fare la rivoluzione? A chi spariamo? Ai colpevoli? Ahahahahaha ....Allora ci spariamo a vicenda?

E poi?
E poi il cazzo. Siamo daccapo se non ci inventiamo niente di nuovo.

Triste da dire ma sarà quello che succederà prima o poi e, quando sarà morta inutilmente un sacco di gente, più o meno innocente o più o meno colpevole, a seconda di come la vogliamo vedere, allora, stanchi di vedere cadaveri putrefatti e sangue dovunque, quando tutti avremo almeno un morto da piangere (se non tocca proprio a noi, perché no), forse qualcosa cambierà.

Ma non è detto che cambi in meglio eh ... occhio.


Note a piè:
(1) questa frase compare grosso modo in tutte le mie bloggate, a sto punto tanto vale tormentarvici
(2) "Vigliac ad barcon! Mo a mi l'am par sempar na batana" (cit. Batanic, in dialetto ferrarese)

Nessun commento:

Posta un commento